NEWS

Viassi punzecchia la squadra

Clima nero in casa Fossano. Dopo un inizio sprint, la squadra pare aver smarrito la sua identità. Non tanto per i risultati, tutto sommato accettabili per una matricola, quanto per il gioco. È infatti la coesione di gruppo il punto di forza degli azzurri. O meglio, lo era. Perché quel Fossano indomito, capace di offrire bel calcio e pioggia di gol, pare ormai un lontano ricordo.   

Eppure, tra la squadra dei sogni e quella dei drammi non è passato nemmeno un mese. Una situazione insolita, di cui abbiamo chiesto lumi a chi quel gruppo lo allena quotidianamente. In merito, Fabrizio Viassi pare avere le idee molto chiare sulle responsabilità, arrivando addirittura a fare i nomi.   

Allora mister, cosa vi sta succedendo?  

“Sono arrabbiatissimo con due miei giocatori. Il primo è Alfiero, l’altro è Tounkara. Chi è venuto qui per la classifica marcatori, o per incrementare il proprio valore sul mercato, ha sbagliato posto. Serve gente umile, che sappia anteporre il bene collettivo a quello individuale. La società ha in mente un progetto a lunga scadenza: il Fossano crede tantissimo in questi ragazzi, ma loro devono credere nel Fossano. Faccio un esempio: Berberi è stato capocannoniere due anni fa, nonostante ciò retrocedemmo e lui si accasò altrove. Questo non deve più capitare.”   

Eppure eravate partiti bene…

“Sì, perchè all’inizio avevamo la giusta umiltà, giocavamo da squadra; poi qualcuno ha iniziato a pensare ad altro… Ci tengo a sottolineare che è un discorso circoscritto ai giocatori che ho nominato, gli altri si stanno sacrificando.”  

Contro il Colline Alfieri ci sono state due novità nell’undici iniziale: può svelarci i motivi?  

“Galvagno non mi ha mai deluso, semplicemente non ha ancora saltato una partita, coppa inclusa, per cui l’ho fatto rifiatare; per quanto riguarda Masneri, invece, non l’ho visto sufficientemente tranquillo in settimana.” 

Gorzegno, invece? Doveva essere un colpo da novanta, eppure ha subito steccato l'esordio?

"Marco deve ancora trovare la condizione, ma oggi non mi ha deluso: ha comandato la difesa da vero leader e fatto il suo dovere con due buone chiusure; la sua espulsione, a mio modo di vedere, è stata eccessiva. Acquistandolo, la società ha dimostrato di voler fare cose importanti, noi dobbiamo ripagarla ritrovando il nostro gioco. Ieri abbiamo fatto non uno, ma dieci passi indietro. Urge un grosso bagno di umiltà”.

Il ritorno del capitano

8 agosto: dopo tutti gli impegni universitari, superati brillantemente e qualche giorno di vacanza, Giovi ricomincia la nuova avventura con il Fossano calcio.  A dire il vero la preparazione è già iniziata da tempo e il Fossano ha già svolto un'importante e dura preparazione con due amichevoli con squadre di categorie superiore.

Giovi non ha mai smesso di tenersi in allenamento ma la preparazione sul campo è un'altra cosa. Si è presentato con un peso inferiore a quello della fine del campionato che dovrà essere rimpinzato di muscolatura nel giro di questo mese.

l'impatto dunque non ha sorto perplessità anche se alla fine la stanchezza si faceva sentire.

L'impressione di Giovi è stata dunque buona e inizia a valutare i nuovi giovani per incominciare a conoscerli meglio. Come era prima il ragazzo ha in mano le chiavi del gioco del Fossano e grande è la responsabilità che gravita sulle sue spalle ma quando il gioco si fa duro ....

Panero nuovo direttore del settore giovanile del Fossano

9 maggio: L'ex Fossanese, Torino e Lecce è entusiasta: «Il progetto mi ha subito affascinato»

Puntare sui giovani”. L’espressione è una sorta di mantra al Fossano Calcio. Il passaggio di Giacomo Galvagno alla Juventus; la recente convocazione di Luca Gemello e Samuele Giraudo in Nazionale Lnd; una Prima Squadra con un’età media più da campionato Juniores che da Promozione. Questi sono solo alcuni dei traguardi conseguiti dalla nuova gestione Botta, che da circa un anno e mezzo ha ridato smalto alla storica società azzurra. Certo, come ama ripetere Viassi, per rifondare una struttura dal basso ci vuole tempo. Tuttavia, quanto conquistato finora è già degno di nota.

Adesso, proprio per continuare su questa scia, è arrivata la ciliegina sulla torta: la scelta di Ezio Panero come nuovo direttore tecnico del settore giovanile azzurro. Un profilo non certo casuale visto il ruolo che gli spetta. Cuneese doc, nato a Centallo e cresciuto nelle giovanili di Fossano (al tempo ancora “Fossanese”) e Torino, Panero ha esordito in Serie A con la maglia del Lecce. Poi, una volta appese le scarpe al chiodo, due anni da responsabile tecnico a Cuneo seguiti dall’esperienza privata all’Asd Excellent, nota scuola di perfezionamento calcistico. Per conoscerlo un po’ più a fondo, gli rivolgiamo subito alcune domande.

Dopo esserci cresciuto, torni a Fossano per lavorare con i ragazzi…
«Sarà sicuramente emozionante. Se sono qui, è grazie al dg Gianfranco Bessone: l’amicizia che ci lega ha fatto la differenza. Il progetto del Fossano mi ha subito affascinato, per me che amo lavorare coi giovani è davvero la piazza ideale. Oltre a Bessone, ho già avuto modo di conoscere gli altri dirigenti: persone animate da una grande passione, gli ingredienti per far bene ci sono tutti».

In cosa consisterà, nello specifico, il tuo ruolo?
«Io e Viassi parliamo la stessa lingua a livello calcistico. Ma rispetto a lui, che ha già l’impegno della Prima Squadra, seguirò nel dettaglio le varie categorie, focalizzandomi sia sulla tecnica che sull’aspetto mentale: senza costanza e disciplina non si va da nessuna parte. Un lavoro sul campo per il quale sarà fondamentale la collaborazione con gli allenatori, che già conoscono i ragazzi e sapranno sicuramente consigliarmi. Tutto questo con uno solo obiettivo: la valorizzazione dei singoli. Cosa che faremo cercando di aumentarne la visibilità di fronte ai grandi club e, soprattutto, facendone esordire il più possibile in Prima Squadra».

Cosa rappresenta, per te, il lavoro coi giovani?
«Significa mettersi costantemente in discussione. Le difficoltà non mancano, ma le soddisfazioni sono impagabili. In questi anni me ne sono tolte parecchie. Penso ad esempio a Paolo Beltrame, che a Cuneo sta dimostrando tutto il suo valore; o a Claudio Morra, campione d’Italia con la Primavera del Toro. Splendidi ragazzi: umili, oltre che talentuosi».

C’è qualcuno, tra quelli che hai allenato, che ti piacerebbe portare al Fossano?
«Un nome ce l’ho, ed è Gabriele Sampò: centrale di difesa classe ‘93, nato a Cuneo, cresciuto nel vivaio del Torino e attualmente alla Sammaurese in serie D. Tuttavia, voglio prima vedere i ragazzi già a disposizione. Personalmente conosco solo Giovanni Giraudo e Andrea Tavella, che ho avuto a Cuneo anni fa. Con gli altri ci siamo appena presentati e mi hanno fatto un’ottima impressione: ragazzi educatissimi, nonostante la giovane – in alcuni casi giovanissima – età».

A tre anni dal centenario, l’obiettivo è raggiungere in tempo utile la Serie D, possibilmente con prodotti del vivaio. Lo ritieni un traguardo possibile?
«Assolutamente sì. Con l’arrivo di Viassi la società si è già data molto da fare. Tre anni sono il tempo giusto per centrare l’obiettivo. Puntare sui giovani, soprattutto in tempi di crisi come questi, è la soluzione vincente. Un anno fa ho visitato la “canterà" del Barcellona… Ebbene: su 230 ragazzi, 186 sono catalani. Perché non seguire la stessa filosofia a Fossano, fulcro di una vasta provincia?».

Viassi dichiarazione post Revello

Così mister Viassi nel post partita: “Stiamo bene. Dispiace solo per la partita con il Pancalieri ma ai ragazzi non si può proprio rimproverare nulla. Ricordiamo che in tanti ci consideravano tagliati fuori dalla lotta per il primo posto, eravamo a -7. Non dobbiamo mollare. Stiamo giocando bene, il risultato di oggi è rotondo ma gli avversari ci hanno anche messo in difficoltà in qualche situazione. Si prospetta un gran finale, noi daremo tutto e ci auguriamo che tutti facciano lo stesso in ogni partita.” 

Giovi in permesso

29 aprile: Giovi in permesso salta l'allenamento. Il capitano si trova all'Aquila con il Politecnico di Torino per una esercitazione presso il castello della città abruzzese colpito duramente dall'evento sismico.

Giovi si tratterrà fino a domani mattina per rientrare in serata.